Se lo studente ha origini...

Niente panico! Le griglie interpretative

Ti devi confrontare con molte cornici culturali contemporaneamente? Come fare per avere almeno le coordinate di riferimento? Che tipo di informazioni è più utile acquisire? Come si possono estrapolare le informazioni utili in qualità di facilitatori di processi creativi?

Se nell’ambito del gruppo classe ci sono più cornici culturali di riferimento, è importante che tu  abbia un po’ di dimestichezza con i paesi di origine degli studenti.  Anche quando i territori a cui faccio riferimento sono così vasti da suggerire una pluralità di caratteri specifici a seconda di dove ci spostiamo (ad esempio l’Africa sub-sahariana), penso vi siano alcune riflessioni che possono costituire una porta d’accesso rispetto a un sentire e ad atteggiamenti talvolta profondamente diversi da quelli che fanno parte del nostro patrimonio culturale ipercodificato, delle nostre premesse implicite. Se, come è ormai chiaro a tutti, in qualità di facilitatore devi riuscire a comprendere mappe relazionali sempre più complesse, è necessario acquisire quelle informazioni di base che ti aiutino a capire gli universi di riferimenti culturali che si incontrano/scontrano nella tua classe. Se non esiste il GRUPPO CLASSE, d’altra parte, occuparsi della didattica può diventare un vero e proprio assillo, con risultati talvolta catastrofici, dal punto di vista psicologico e di qualità dell’insegnamento. In qualità di facilitatore dovresti quindi  intevenire, in modo costruttivo per tutti, nelle situazioni conflittuali che si possono verificare, nei momenti di crisi che possono turbare anche profondamente i singoli studenti. Ciò perchè il fine ultimo resti sempre salvaguardato: dare a ciascun allievo la possibilità di cogliere appieno le opportunità che la scuola può offrire, per la sua piena realizzazione sotto il profilo emotivo, relazionale, identitario, sociale, culturale.

Fatta questa premessa, in questo post desidero esplicitare quale sia la logica che guida l’elaborazione delle schede paese e la scelta delle risorse che metto a disposizione per gli approfondimenti. Leggendo le griglie interpretative sono certa che ti troverai  a casa! L’intento di questo post è quello di comunicarti il tipo di sguardo a cui andrai incontro su queste pagine.  Sul libro La scuola delle opportunità , se vuoi,  puoi trovare  alcune riflessioni significanti rispetto alle possibili relazioni fra i vari argomenti toccati nelle griglie interpretative; alcuni collegamenti che troverai nelle griglie, per esempio, sebbene ovvi in via teorica, hanno richiesto decenni prima di essere letti e interpretati correttamente; ciò ha dato luogo a riflessioni errate che hanno inciso non poco sulla lettura storica e culturale di vaste aree geografiche. Le cornici culturali possono rendere ciechi per decenni, talvolta per secoli!!  Nello specifico della mia esperienza ho utilizzato sia fonti dirette che indirette. Dirette tramite ricerche sul campo e interviste; indirette mediante libri, film, documentari, siti internet, articoli di riviste e quotidiani, ricerche di ambito universitario, studi effettuati da centri di ricerca internazionali, convegni, conferenze, festival. Le discipline che ho personalmente indagato per l’elaborazione di una sintesi in grado di orientarti in ciascun paese, grazie anche al sostegno di foto e video, sono state la geografia, l’economia, la storia, l’antropologia, la sociologia, la filosofia, l’urbanistica, l’architettura, la religione e l’arte, in tutte le sue espressioni. Se devo essere sincera, dietro ogni post c’è molto studio..e immagino che ti chiederai come fare se il paese di tuo interesse non rientra ancora fra quelli presenti! Niente paura, non sarai costretto a mesi di ricerca. Facendo tesoro degli studi che hai già fatto, attraverso la lettura di alcuni documenti che potrai trovare su internet, sarai in grado per lo meno di intuire alcune informazioni basilari. Maggiori saranno le tue informazioni di partenza, ovviamente, maggiore sarà la capacità di inferire relazioni utili.
Ancora preoccupati?? Ok, mi rendo conto che per alcune persone questo è chiedere una quantità di tempo eccessiva. Il docente è anche una persona che ha una vita privata a cui è giusto e importante dedicare tempo!
E infatti sono qui apposta! Ho già preparato alcuni post per ciascun paese o area geografica oggetto delle mie ricerche; spero possano esserti utili per cogliere quale sia l’universo dei riferimenti culturali che i tuoi studenti condividono con le loro famiglie. Nel corso del tempo continuerò a postare sintesi delle mie  ricerche. A questo proposito, anzi, il tuo aiuto potrebbe essere molto utile per il mio lavoro! Innanzitutto una domanda. Hai priorità rispetto ad alcuni paesi non ancora presenti? Fammelo sapere! Hai tesi di laurea o ricerche che credi possano essere utile materiale per i tuoi colleghi e per me, al fine di elaborare altre schede? Se vuoi, puoi inviare il tuo materiale al mio indirizzo mail. Sarò lieta di leggerlo e, nel caso, di utilizzarlo e condividerlo su questo sito nella sezione delle risorse! Leggendo le schede già on line ti puoi fare un’idea di come sono solita procedere.
Vediamo adesso quali sono, a mio avviso, utili griglie interpretative rispetto alle informazioni che hai in possesso o che puoi ricercare.

La carta geografica

Già dalla lettura della carta geografica possiamo acquisire alcune informazioni di base e individuare utili connessioni da inserire nel nostro quadro interpretativo. Quali sono allora le relazioni da indagare?

1. Morfologia del territorio: aperture o chiusure determinate dagli elementi naturali

  • culture più o meno permeabili alle contaminazioni;
  • sostanziale autonomia di governo o maggiore forza delle istituzioni centrali;
  • sistema dei riferimenti per orientarsi nello spazio.

2. Clima: cicli e ritmi naturali

  • percezione del tempo;
  • ritmi introiettati dalle culture locali.

3. Orografia: vie di comunicazione naturali

  • maggiori o minori contatti con altre culture.

4. Posizione più o meno strategica: area di interesse per motivi politici o per l’approvigionamento delle risorse

  • storia del paese più o meno pacifica, da leggere in un rapporto di solito inversamente proporzionale.

5. Estrema ricchezza del territorio: area di interessi economici

  • gruppi di potere antagonisti o gruppo di potere dominante;
  • periodi storici drammatici, solitamente dominazioni, dittature, guerre.

Anche quando non conosciamo nel dettaglio la storia e il contesto socio–culturale di un paese, possiamo però tratteggiarne i contorni attraverso alcune informazioni interconnesse, sempre che si conoscano bene le informazioni generali!
Le coordinate storiche, filosofiche, economiche e sociali

1. Continente o area geografica di appartenenza: caratteri salienti della storia condivisa.

2. Momenti significativi nel processo storico: le eredità fondamentali.

3. Caratteristiche dei principali poteri politici succedutisi: caratteristiche salienti che coesistono nel processo di costruzione identitaria

  • paese prevalentemente dominato/dominante;
  • potere centrale/potere decentrato;

se il paese è una ex-colonia

  • chi è stato il paese colonizzatore;

nell’ambito di un potere sovranazionale

  • un’area interna/di confine.

4. Organizzazione sociale ed economica nelle diverse fasi storiche: caratteristiche salienti che coesistono nel processo di costruzione identitaria

  • società matriarcali/patriarcali;
  • caratteristiche culturali dei gruppi sociali presenti e loro distribuzione sul territorio;
  • atteggiamenti antropologici significativi e loro evoluzione nel processo di trasformazione della società;
  • tipo di economia;
  • distribuzione della ricchezza sul territorio nel corso della storia;
  • religione;
  • lingua/lingue e loro ruolo nel processo di costruzione identitaria della popolazione;
  • storia contemporanea e principali questioni al centro del dibattito culturale nazionale.

Anche facendo un’analisi del processo di urbanizzazione siamo in grado di cogliere alcuni elementi centrali per la comprensione della persona che desideriamo capire meglio; quali sono allora le informazioni fondamentali da raccogliere?

Caratteristiche del processo di urbanizzazione del paese e sua declinazione nelle diverse aree geografiche

1. Caratteristiche di partenza: riferimenti identitari di base 

  • la carta geografica (e tutto ciò detto al proposito)

2. Culture dominanti nelle diverse epoche storiche: modelli dei sistemi insediativi stratificati e/o succedutisi nel tempo

  • caratteristiche salienti dei modelli insediativi;
  • stratificazione dei modelli insediativi;
  • coesistenza di più modelli insediativi localizzati in aree distinte.

3. Tempi storici e caratteristiche del processo di urbanizzazione: sostanziali caratteristiche sociali e culturali nelle diverse aree geografiche del paese

  • tipologia dei cambiamenti nelle diverse epoche storiche ed aree geografiche;
  • velocità dei cambiamenti.

4. Attribuzione simbolica di significati al territorio ed al contesto urbano di appartenenza: caratteri salienti del processo di costruzione identitaria

  • tipo di attribuzione simbolica agli elementi naturali;
  • tipo di attribuzione simbolica agli elementi architettonici;
  • attribuzioni condivise da tutta la popolazione;
  • attribuzioni oggetto di conflitto fra la popolazione;
  • attribuzioni che hanno perso valore nel tempo;
  • attrubuzioni che hanno acquistato forza nel tempo;
  • attribuzioni che hanno cambiato significato nel tempo.

 

Aiutami ad arricchire questo post con il tuo  contributo!

Lascia un commento, una riflessione, una critica..

 

Foto credit bu Roberto Ferrari

 

Sull'autrice

Laura Cipollini

Sono laureata in architettura e ormai da 10 anni faccio ricerca-azione nelle scuole, gli unici laboratori permanenti di cittadinanza attiva che abbiamo in Italia! Lavorando nella scuola pubblica ci si rende conto che non abbiamo bisogno di viaggiare per scoprire il mondo, il mondo è nelle nostre classi. Ciò significa affrontare quotidianamente situazioni molto più complesse rispetto al passato, sia da un punto di vista relazionale sia da un punto di vista didattico. Su questo sito desidero condividere la mia esperienza.. con l’auspicio che diventi un luogo di confronto su temi oggi relegati purtroppo nelle aule scolastiche..

Lascia un commento